Con una bici al collo

4-768x417“… I punti di vista sono infiniti … non sempre cio’ che appare … è quel che sembra …”. Con questo concetto, RicicloLab, apre la sua pagina FaceBook ponendo le basi di quello che per passione sta dando vita ad una nuova fase dove il reinventarsi e il rimettersi in gioco sono i cardini di nuovi “punti di vista”.

Architetto 38enne romana, Francesca Leone torna, dopo aver dedicato tempo alla maternità e diversi anni trascorsi nel mondo del design e dell’arredamento, a dedicare il proprio tempo a quello che in passato è stato il suo hobby per passione, ovvero il riciclo e il riuso di materiali a cui ridare nuova vita e nuovo utilizzo.

Campionari di pellami e stoffe, bottoni e cerniere inutilizzate, ma soprattutto camere d’aria di biciclette recuperate nelle ciclofficine e tramite conoscenze ed amici che condividono la stessa passione per le due ruote che diventa anche una filosofia di vita, un mezzo di sostentamento e una necessità per muoversi in una città come Roma.

Soprattutto la camera d’aria si offre duttile nella totale realizzazione handmade di collane, bracciali, anelli, borse, accessori e complementi … dopo essere stata trattata e rivitalizzata ed alle volte “impreziosita” con maglie di catena che assemblate adornano le creazioni, cuscinetti a sfera che diventano orecchini, raggi che piegati diventano il “telaio” di un bracciale … o utilizzando elementi che nulla hanno a che vedere con la bicicletta, come perle in ceramica, cristalli recuperati da un vecchio lampadario che assemblati ci fanno pensare che “… non sempre ciò che appare… è quel che sembra …”.

“… Tutto è nato per “gioco” – dice Francesca Leone – A marzo si parlava con delle amiche mamme di organizzarci per tempo per mettere su un mercatino di natale con cose realizzate da noi … fatte mano … un po’ per recuperare del tempo da dedicare a noi stesse, un pò per unire l’utile al dilettevole e per quanto mi riguarda si è risvegliata quella passione che per lungo tempo e per vari motivi avevo accantonato. Rimanendo stupita del risconto positivo che suscitano le mie creazioni e della soddisfazione nel realizzarle, credo che questa sia la base per reinventarsi.”

Source: giornalistinellerba.it