La collaboratività dei fornitori per aumentare l’efficienza
Il caso Comer Industries

[Source: SCM Portal] Abbattimento delle attività a basso valore aggiunto e crescita dell’efficienza nella consegna dei prodotti finiti: sono questi gli effetti immediati di un solida collaborazione con i fornitori.

I clienti chiedono reattività e consegne tempestive: come agire?
Dopo un attento studio dei processi interni Comer Industries, leader internazionale nei sistemi avanzati di meccatronica per la trasmissione di potenza, con un fatturato di 361 Ml di euro e 1250 dipendenti, ha rilevato che per essere efficaci sui clienti senza aumentare i livelli di stock è necessario agire sulle performance della catena di fornitura.

“Avere fornitori collaborativi, ovvero capaci di comunicare con l’azienda in modo veloce la loro operatività ed eventuali criticità, è fondamentale per una pianificazione puntuale della produzione”, afferma Elisa Simonini, Project Manager di Comer Industries.
La catena di fornitura di Comer Industries è costituita da 350 fornitori, di diversa dimensione e distribuzione geografica (Italia, Cina, Turchia, India); in un anno vengono acquistati più di 25.000 articoli sviluppando un fatturato di acquisto di circa 200 milioni di euro.

Per agire in modo efficace sui fornitori, il primo step è stato definire alcuni indicatori di performance significativi (primo fra tutti l’On Time Delivery) attraverso i quali tenere monitorato periodicamente l’andamento dei fornitori ed elaborare le eventuali azioni di miglioramento. Con oltre 20.000 righe d’ordine emesse mensilmente, la manutenzione dei dati sul sistema ERP SAP è troppo onerosa per poter garantire degli indicatori coerenti ed è per questo che è iniziata la ricerca di un sistema di supply chain collaboration in grado di supportare adeguatamente l’azienda in questo processo.

Perché IUNGO
Innanzitutto per la facilità di utilizzo: il fornitore non deve implementare nessuna infrastruttura aggiuntiva: riceve semplicemente la IUNGOmail, una mail interattiva che “trasmette” un documento (tipicamente l’ordine di acquisto) su cui il fornitore opera direttamente.

In secondo luogo, per i tempi di implementazione significativamente contenuti; terzo, per la comunicazione bi-direzionale e in tempo reale con il gestionale ERP che viene implementata, aspetto fondamentale per la pianificazione della produzione.

I risultati: fornitori collaborativi e processi più snelli
Oggi tutti i fornitori sono operativi su IUNGO con un’integrazione completa anche dei più ostici, in particolare gli extra-UE. Il gestionale è sempre aggiornato e i processi relativi alla pianificazione degli acquisti, della produzione e delle consegne sono più snelli e senza errori.

Il vantaggio più concreto è stato un recupero di 1.700 ore/uomo su base annua dedicate ad attività fino ad oggi non a valore aggiunto.
“IUNGO è lo strumento che ha permesso di instaurare una comunicazione semplice e chiara con i fornitori, di misurare e valutare il loro indice di collaborazione e di far crescere progressivamente il loro grado di reattività alle nostre richieste”, conclude Elisa Simonini.